Passa ai contenuti principali

Uomini vittime di molestie

Ieri l’ISTAT (Istituto nazionale di statistica) ha diffuso il rapporto relativo agli anni 2015-2016 sulle molestie e i ricatti sessuali sul lavoro (ma, in realtà, i dati non considerano solo la sfera lavorativa).
Il report dell’indagine campionaria parla, ovviamente, di stime e non di cifre esatte, ma sono comunque numeri impressionanti e che fanno riflettere.

E, se quasi tutti i media generalisti si sono soffermati sui dati relativi alle molestie sulle donne*, qui, invece, si vuole porre l’accento sulle molestie subite dagli uomini che, per la prima volta, sono state oggetto di rilevazione. 

Sono stati ascoltati 16.347 uomini e «Le molestie rilevate includono: le molestie verbali, l’esibizionismo, i pedinamenti, le telefonate oscene e le molestie fisiche sessuali.».

Va innanzitutto specificato che a mettere in pratica le «molestie a sfondo sessuale» sugli uomini sono, in massima parte, altri uomini. Più precisamente, nell’85,4% dei casi. 
Nel 23,7% dei casi, invece, a commettere molestie sugli uomini sono le donne.
I numeri dicono, quindi, che ci sono alcuni uomini che sono stati vittime di molestie sia da altri uomini e sia da donne.

Il report stima che 3 milioni 754mila uomini abbiano subito «molestie a sfondo sessuale» nel corso della loro vita (18,8%), di cui 1 milione 274mila negli ultimi tre anni (6,4%).
Solo il 47,2% degli uomini che ha subito «molestie fisiche» considera «molto o abbastanza gravi» tali atti, contro il 76,4% delle donne nella stessa situazione.

«Le molestie con contatto fisico, ovvero le situazioni in cui le vittime sono state accarezzate o baciate contro la loro volontà, sono state subite nel corso della propria vita dal [...] 3,6% degli uomini.» 

Si stima, inoltre, che ben 435mila uomini, quando erano minorenni, hanno «subito atti sessuali contro la propria volontà» e il 62,1% di loro «non ha parlato con nessuno di questi fatti al tempo in cui si sono verificati.». 

Alcune domande

I dati ora riportati sono impressionanti, fanno riflettere e pongono alcuni interrogativi.
Ad esempio, ci si potrebbe chiedere come mai solo meno della metà degli uomini vittime di «molestie fisiche» considera «molto o abbastanza gravi» tali atti. 
Si deve, forse, ritenere che la maggior parte degli uomini consideri normale cameratismo le “palpatine” ai genitali da parte di altri uomini anche quando tali “palpatine” non sono affatto atti di cameratismo?
E quando un uomo mostra i propri genitali a un altro uomo magari in segno di scherno, quante vittime percepiscono tale gesto come una molestia?
E quando un uomo subisce delle molestie da una donna ha il coraggio di rifiutarle o le subisce per paura di essere scambiato per omosessuale?
E, più in generale, gli uomini sono davvero coscienti di poter essere vittime di molestia? O lo diventano solo nei casi più gravi ed evidenti, quando, cioè, sono violentati fisicamente?
In altre parole, quando un uomo prende coscienza di essere vittima di molestia?
Quando si rende conto che un qualsiasi atto inizia a diventare qualcosa da cui iniziare a difendersi?

Domande su cui varrebbe la pena condurre altre serie indagini, perché si ha quasi la sensazione che un maschio, in qualche maniera, si aspetti di essere molestato da altri maschi ed è disposto a lasciar perdere, forse perché - quando si rende conto di essere stato molestato - in lui prende il sopravvento un senso di vergogna.


_____________________
* «Si stima che siano 8 milioni 816mila (43,6%) le donne fra i 14 e i 65 anni che nel corso della vita hanno subito qualche forma di molestia sessuale e si stima che siano 3 milioni 118mila le donne (15,4%) che le hanno subite negli ultimi tre anni.» (Le molestie e i ricatti sessuali sul lavoro, ISTAT, 13.02.2018. Il report è leggibile all’url http://www.istat.it/it/files/2018/02/statistica-report-MOLESTIE-SESSUALI-13-02-2018.pdf)

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.