Passa ai contenuti principali

Il ragazzo che si innamorò del maturo Tennessee Williams

A colazione con Tennessee Williams di Freddy Longo, edito nel 2006 da Baldini Castoldi Dalai, più che un romanzo* è un memoir, tra l’altro assai coraggioso, nel quale l’autore ricorda alcune tappe fondamentali del viaggio fatto negli Stati Uniti nel 1972, quando ancora era un giovane studente di medicina.
Fondamentali per la sua crescita individuale, ovviamente.

Viaggio raccontato senza nascondere gli eccessi a cui il giovane Freddy si è lasciato andare, nel tentativo di trovare la sua collocazione nel mondo.
Nuove esperienze a volte cercate (e più volte rimandate) e altre inaspettate, ma comunque vissute (volente o nolente).
Tra le prime, sicuramente, si può citare il sesso con un altro ragazzo; mentre tra le seconde l’inatteso getto d’urina che una ragazza gli scarica sul viso durante un rapporto orale consumato in un cesso pubblico.

Tra gli incontri inaspettati, poi, quello casuale e folgorante con il grande drammaturgo Tennessee Williams.
I due si vedono più volte e si raccontano i propri dolori e le tragedie familiari e si lasciano anche andare a pettegolezzi su personaggi famosi, come Marlon Brando, Marilyn Monroe e Truman Capote, e a “giochi” virili tipici dell’età adolescenziale (come fare a gara a chi urina più lontano), pur non essendo entrambi adolescenti.

In realtà, al di là del fatto che uno dei due è uno dei maggiori protagonisti della scena letteraria mondiale, il loro è l’incontro tra un ragazzo in cerca della sua strada e un uomo più che maturo ormai sul viale del tramonto che, forse, commettono entrambi l’errore di non darsi una possibilità.
O, forse, semplicemente, viaggiano a velocità differenti.
Il ragazzo capisce con ritardo che l’uomo maturo (ovvero, il padre, il fratello maggiore e l’amante) è ciò di cui ha bisogno in quel momento; mentre, dall’incontro con il ragazzo, l’uomo maturo comprende che il suo declino sarà funestato da troppi sensi di colpa, senza neppure il conforto derivato dalla scrittura. 

A colazione con Tennessee Williams è una testimonianza di vita doppiamente importante: proprio perché parla di Tennessee Williams e perché descrive l’incontro tra un ragazzo e un uomo maturo.
Scritto assai bene, si legge nel giro di poche ore.

_________________
* Il testo è pubblicato nella collana “Romanzi e Racconti”


Altro su Tennessee Williams 

A colazione con Tennessee Williams è disponibile in Amazon 

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.