Passa ai contenuti principali

I queer londinesi nella Storia


Queer city di Peter Ackroyd edito in Italia da SEM ricostruisce la storia dei queer a Londra dal periodo celtico e pre-romano fino ai giorni nostri.
L’autore usa volutamente una “parola ombrello” come queer per indicare omosessuali, lesbiche, bisessuali, travestiti d’ambo i sessi e transgender in quanto, come ben dimostra nel suo saggio, la sessualità, per secoli, è stata non solo “fluida”, ma anche di difficile definizione, anche in ragione del fatto che, per lungo tempo, gli atti sessuali non avevano valore identitario. In altre parole, si andava a letto con persone del proprio stesso sesso, senza per questo percepirsi come omosessuali o lesbiche.

La lettura del saggio è decisamente interessante, istruttiva e piacevole, grazie alle note capacità divulgative dell’autore che, da molti, è ritenuto uno dei più importanti scrittori inglesi viventi.
Il lettore può, senza alcuna difficoltà, immergersi nella vita quotidiana di una capitale europea importante come è sempre stata Londra e - accompagnato dall’autore - vagare da un quartiere all’altro, scoprendo angoli bui, case equivoche, teatri, giardini pubblici, orinatoi e locali nei quali le persone queer si sono, nel corso dei secoli, dati appuntamento.
Luoghi che, per diversi secoli, non è stato per nulla prudente, da parte delle persone queer, frequentare: se scoperti a compiere atti indecorosi, infatti, tali persone rischiavano grosso: dall’arresto alla pena capitale, passando dalle frustate e dalla gogna.
Ciò in ragione del fatto che, dal VI secolo dopo Cristo in poi, l’omosessualità a Londra fu considerata reato, divenendo, dal XVI secolo, peccato capitale. 
La pena capitale fu sostituita dai lavori forzati solo a partire dal 1861 e solo dal 1967 gli atti omosessuali tra adulti consenzienti agiti in privato non furono più considerati un crimine.

Il libro racconta molti episodi “curiosi” che hanno, nel corso dei secoli, coinvolto persone di ogni genere, classe sociale, età e che sono rimasti negli annali o perché diventati casi giudiziari o perché raccontati dalla stampa periodica o in libelli scandalistici.
Episodi che dimostrano come le persone queer, nonostante le persecuzioni cui sono state sottoposte, abbiano sempre trovato il modo di esistere e resistere, passando da posizioni di retroguardia a vere e proprie esibizioni camp.


Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.