Passa ai contenuti principali

Mr. Ripley, un omosessuale represso

Il talento di Mr. Ripley di Patricia Highsmith è un gran bel romanzo, forse, addirittura, un capolavoro.
Un romanzo che va ben oltre il genere thriller o giallo, per entrare, del tutto a buon diritto, nell'elenco di quelli in cui la psicologia del protagonista viene sviscerata e analizzata senza reticenze, come nei romanzi di Camus o Dostoevskij, per intendersi.
Di Tom Ripley la Highsmith non ci nasconde nulla, trasformando il suo protagonista da personaggio a persona, ovvero, rendendolo del tutto vivo e credibile ai nostri occhi di lettori.

Pubblicato per la prima volta nel 1955, ora il romanzo è disponibile nella traduzione di Maria Grazia Prestini per i tipi de La nave di Teseo che ha intenzione di pubblicare l’opera omnia della scrittrice statunitense.
Esso è stato portato sullo schermo nel 1960 da René Clément con Delitto in pieno sole (Alain Delon nel ruolo di Tom Ripley) e nel 1999 da Anthony Minghella con Il talento di Mr. Ripley (Matt Damon nel ruolo del protagonista).

La storia racconta di come Tom Ripley riesca a uccidere il ricco Dickie Greenleaf, di cui è segretamente innamorato, e prenderne il posto con l’obiettivo di vivere una vita nel lusso, come ha sempre desiderato.
Una serie di casualità renderà il suo progetto precario e il pericolo di essere scoperto lo indurrà a riprendere la propria identità, anche se, in modo del tutto imprevisto, Tom Ripley la farà franca.
L’Autrice tiene il lettore incollato alla pagina senza bisogno di sorprenderlo con colpi di scena, ma gratificandolo con una serie di dettagli, in grado anche di mantenerne viva la tensione. 

Di Tom Ripley la Highsmith racconta ogni pensiero, rendendo, come detto, il personaggio vivo agli occhi del lettore che lo può seguire nei suoi momenti euforici, come in quelli di assoluta depressione e sconforto o in quelli di puro terrore.

Tom è un ragazzo omosessuale che reprime la sua sessualità tanto da non praticarla né con un ragazzo, né con una ragazza.
Innamorato del bello e ricco Dickie (assai verosimilmente omosessuale e represso tanto quanto Tom) è geloso di Marge, amica di Dickie, anch'ella innamorata del giovane e ricco amico.
Attratto sessualmente dal compagno con cui coabita, prova, invece, una vera e propria repulsione per il corpo di Marge.
Marge, dal canto suo, capisce che Tom è un omosessuale represso e tenta di allontanarlo da Dickie. Ma il suo piano fallisce e, alla fine, si auto-convince che Tom e Dickie convivano come due innamorati e arriva anche a rimproverare a Dickie - che non le ha mai detto delle proprie inclinazioni - di comportarsi «da provinciale represso», ricordandogli anche che «La cosa più importante, nella vita, è saper essere fieri di chi si ama!».  

Lesbica più che bisessuale, la Highsmith riesce, descrivendo la psicologia di Tom Ripley, a fare un ritratto assai convincente - forse uno dei più letterariamente convincenti - di un omosessuale represso che non si accetta.

Tom Ripley tornerà in altri quattro romanzi della Highsmith: Il sepolto vivo; L’amico americano; Il ragazzo di Tom Ripley e Ripley sott’acqua.

Il talento di Mr. Ripley è disponibile su Amazon.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.