Passa ai contenuti principali

Come scoprire se il tuo ragazzo è (gay) bisex

Può capitare di sentirsi chiedere da un’ansiosa fanciulla: “Come faccio a scoprire se il mio ragazzo è gay?"

Ecco, care amiche, qualche trucco che mi sento di suggerirvi!
Mettete pure in pratica quello che preferite: uno vale l'altro.

- Lasciate soli per un pomeriggio intero il vostro fidanzato con vostro fratello. Se quando tornate, entrambi hanno un'espressione felice, allora il vostro ragazzo (e non solo) è gay (o, più propriamente, bisessuale, dato che diamo per scontato che tra voi due è già successo qualcosa...).

- Se il vostro ragazzo preferisce vedere una partita di pallone invece di togliervi le mutandine, allora la cosa si fa complicata: o non vi considera alla pari con uno qualsiasi dei calciatori in campo, o è gay.
Per togliervi il dubbio, non vi resta che lasciarlo solo con vostro fratello...

- Se il vostro ragazzo dimostra un accanimento smodato contro i gay, ovvero dimostra di essere un omofobo incallito, allora, molto probabilmente, è meglio che lo lasciate solo con vostro fratello...

Al di là, però, delle facili battute e dello scherzo, resta da farvi qualche domanda seria:

- Se pensate che al vostro ragazzo piacciono anche i maschietti, perché non create le condizioni per un confronto sereno e glielo chiedete direttamente?

- E se la risposta fosse positiva (ossia, se il vostro ragazzo ammettesse di essere bisessuale), sarebbe per voi un dramma o una ghiotta occasione?

In altre parole, la bisessualità del vostro fidanzato vi indurrebbe a vivere in uno stato di ansia perenne, oppure potreste valutarla come una felice possibilità che vi viene concessa per allargare i vostri orizzonti?

Pensateci senza inutili paure!

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.