Passa ai contenuti principali

Far finta di essere sani


Avviso: la paternità di molti dei pensieri espressi di seguito è di Mario Mieli. Qui sono “abusati”.

Sono del tutto convinto del fatto che tutti gli esseri umani sono bisessuali e sessualmente fluidi. 
Molti maschi âgée negano che ciò sia vero e sostengono che o si è eterosessuali, oppure omosessuali. 
Chi si dichiara bisessuale starebbe attraversando una fase di “confusione”, oppure, più spesso, non avrebbe il “coraggio” di ammettere di essere omosessuale.
Posizioni “teoriche” frutto di un’educazione castrante (Mieli avrebbe parlato di ”educastrazione”).

Ritengo, ad ogni modo, innegabile il fatto che, ancora oggi, l’educastrazione agisca in modo da indurre i maschi verso l’eterosessualità.
In altre parole, si viene convinti ad agire da eterosessuali attuando varie tecniche di persuasione educativa.

Una di queste (forse la più coercitiva) è lo sradicamento del “femminile” dal maschile.
Tutto quanto ipoteticamente riguarda la sfera femminile, viene sminuito e deriso se riferito a un maschio.
Il maschio deve essere solo maschio e non deve in alcun modo accostarsi a ciò che è di pertinenza delle femmine.
Così facendo, però, è la femminilità stessa ad essere sminuita e di conseguenza le donne in genere.
Inutile stupirsi, quindi, se molti (forse quasi tutti) i maschi eterosessuali siano anche più o meno misogini.

Nonostante l’educastrazione, però, i desideri omosessuali permangono, anche se repressi, in tutti i maschi dichiaratamente eterosessuali.
Desideri che li terrorizzano, anche perché sono stati educati a ritenere che tali desideri li femminilizzi. Ossia, che l’omosessualità abbia a che fare con la sfera del femminile. 
Una sciocchezza vera e propria che, però, non sono in grado di riconoscere come tale e, quindi, terrorizzati dai loro desideri omosessuali e dalla possibilità remota di essere scambiati per omosessuali, non solo reprimono i loro desideri, ma tentano di reprimere anche quelli altrui, magari anche solo deridendoli pubblicamente.
Inoltre, proprio per allontanare da sé ogni sospetto, esibiscono in ogni occasione la loro attrazione per le donne.

Un’attrazione, per quanto fin qui detto, fortemente inquinata.
Ancora oggi (nonostante decenni di lotte femministe) la donna, per il comune maschio etero, è “solo” una donna. Ossia, non è pari a un uomo.
Esse assumono un qualche valore solo se madri (proprie o dei propri figli).

Nonostante, però, siano “solo” donne, per non essere scambiato per omosessuale, il maschio etero deve indirizzare ogni suo desiderio sessuale verso la vagina (da penetrare).
È l’atto della penetrazione che lo cataloga come maschio etero.
Prova ne sia il fatto che, in ambienti monosessuali in cui le donne sono assenti, come, ad esempio le carceri, chi penetra “fa il maschio” e chi viene penetrato “fa la femmina”. 

In altre parole, il maschio etero, per allontanare da sé le pulsioni omoerotiche e l’attrazione sessuale per la mascolinità (che ritiene “malate”), finge di essere “sano”, ovvero esclusivamente eterosessuale.
Finge di provare attrazione solo per la femminilità, ovvero per ciò che, nella quotidianità, sminuisce.

Che vita psichica complicata! Come sarebbe tutto più semplice se il maschio comune accettasse la bisessualità!

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.