Passa ai contenuti principali

Wilde era un gigante


Negli ultimi decenni sono emersi dagli archivi privati molti documenti utili a completare la biografia di Oscar Wilde.
Pubblicati in diverse riviste specialistiche, sono spesso rimasti sconosciuti al lettore comune.
Matthew Sturgis, attento storico inglese, con il suo Oscar. Vita di Oscar Wilde edito in Italia da UTET, ha dato la possibilità al lettore appassionato del grande scrittore britannico di venire a conoscenza di tale materiale e di avere, quindi, una visione più precisa di chi fosse Wilde in realtà.

Lontanissimo dall’essere un libro agiografico, la corposa e dettagliata biografia di Wilde firmata da Sturgis restituisce al lettore il ritratto di un uomo complesso e, certamente, contraddittorio che, però, fu senza alcun dubbio, un gigante sia nel mondo delle lettere, sia nella società vittoriana in cui visse.

Un libro, quello di Sturgis che affronta Wilde con un linguaggio semplice e colloquiale e che ne ricostruisce la vita e la gestazione delle opere tenendo ben presente il copioso ed eterogeneo (dai carteggi agli articoli di giornale, passando dai diari e dagli scritti biografici dei contemporanei) materiale documentale.

Ne esce - come detto - il ritratto di un uomo contraddittorio capace, ad esempio, di grandi slanci di generosità, ma anche di chiusure egoistiche, ma che seppe dare una svolta imprevista e imprevedibile sia alla letteratura e al teatro e sia al pensiero e allo stile di vita dei contemporanei.

Wilde fu capace non solo di influenzare il costume e la moda, ma anche di aprire nuove possibilità creative a un’intera generazione di giovani artisti (non solo poeti, drammaturghi e romanzieri, ma anche pittori, attori e metteur en scène che da lui furono influenzati).

Un uomo, Wilde, che con la sua biografia e le sue pubbliche dichiarazioni ha contribuito, come pochi altri della sua epoca, a combattere l’asfittica società vittoriana e a fare emergere una diversa concezione dell’amore che potesse anche prevedere quello che nasce tra due uomini.

E, sia detto per inciso, Wilde sconvolse i contemporanei non solo per la sua manifesta omosessualità ed effeminatezza, ma anche per non aver mantenuto un distanziamento sociale con i giovani che frequentava (in altre parole, Wilde fece scandalo perché amava giovani delle classi proletarie, oltre a quelli appartenenti alla buona società).

Un libro, quello di Sturgis di cui di consiglia la lettura.

Oscar di Sturgis è disponibile su Amazon.

Altro su Oscar Wilde.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Innamorata di un gigolo bisessuale

Pubblicato agli inizi degli anni Sessanta del Novecento, La scuola della carne di Yukio Mishima, edito in Italia da Feltrinelli, è un romanzo estremamente moderno.
In esso si racconta la storia d’amore della quasi quarantenne Taeko, con il giovane gigolo ventunenne Senkichi, conosciuto in un locale gay dove svolge il lavoro di barman e dove si prostituisce indifferentemente con uomini e donne.
Senkichi è virile e distante, quasi altezzoso e, per denaro, disposto a fare qualsiasi cosa. Lei ne resta ammaliata e - dopo una notte di sesso mercenario - se ne innamora al punto che decide di fare progetti di vita assieme al fascinoso ragazzo.
Progetti che, via via, si fanno sempre più impegnativi anche dal punto di vista emotivo e che mutano di momento in momento data l’imprevedibilità caratteriale di Senkichi e la sua sete di libertà, successo e ricchezza.
Una storia che tiene il lettore incollato alla pagina e che è raccontata mantenendo il punto di vista della protagonista e procedendo con una…

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…