Passa ai contenuti principali

Wilde era un gigante


Negli ultimi decenni sono emersi dagli archivi privati molti documenti utili a completare la biografia di Oscar Wilde.
Pubblicati in diverse riviste specialistiche, sono spesso rimasti sconosciuti al lettore comune.
Matthew Sturgis, attento storico inglese, con il suo Oscar. Vita di Oscar Wilde edito in Italia da UTET, ha dato la possibilità al lettore appassionato del grande scrittore britannico di venire a conoscenza di tale materiale e di avere, quindi, una visione più precisa di chi fosse Wilde in realtà.

Lontanissimo dall’essere un libro agiografico, la corposa e dettagliata biografia di Wilde firmata da Sturgis restituisce al lettore il ritratto di un uomo complesso e, certamente, contraddittorio che, però, fu senza alcun dubbio, un gigante sia nel mondo delle lettere, sia nella società vittoriana in cui visse.

Un libro, quello di Sturgis che affronta Wilde con un linguaggio semplice e colloquiale e che ne ricostruisce la vita e la gestazione delle opere tenendo ben presente il copioso ed eterogeneo (dai carteggi agli articoli di giornale, passando dai diari e dagli scritti biografici dei contemporanei) materiale documentale.

Ne esce - come detto - il ritratto di un uomo contraddittorio capace, ad esempio, di grandi slanci di generosità, ma anche di chiusure egoistiche, ma che seppe dare una svolta imprevista e imprevedibile sia alla letteratura e al teatro e sia al pensiero e allo stile di vita dei contemporanei.

Wilde fu capace non solo di influenzare il costume e la moda, ma anche di aprire nuove possibilità creative a un’intera generazione di giovani artisti (non solo poeti, drammaturghi e romanzieri, ma anche pittori, attori e metteur en scène che da lui furono influenzati).

Un uomo, Wilde, che con la sua biografia e le sue pubbliche dichiarazioni ha contribuito, come pochi altri della sua epoca, a combattere l’asfittica società vittoriana e a fare emergere una diversa concezione dell’amore che potesse anche prevedere quello che nasce tra due uomini.

E, sia detto per inciso, Wilde sconvolse i contemporanei non solo per la sua manifesta omosessualità ed effeminatezza, ma anche per non aver mantenuto un distanziamento sociale con i giovani che frequentava (in altre parole, Wilde fece scandalo perché amava giovani delle classi proletarie, oltre a quelli appartenenti alla buona società).

Un libro, quello di Sturgis di cui di consiglia la lettura.

Oscar di Sturgis è disponibile su Amazon.

Altro su Oscar Wilde.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.