Passa ai contenuti principali

Ma a Carlo interessava Enrica o Cesare?


L’età del malessere di Dacia Maraini racconta della diciassettenne Enrica innamorata del ventottenne Cesare che, qualche anno prima, le ha preso la verginità su una spiaggia assolata.


Cesare sta per sposarsi con un’altra, ma Enrica, pur sapendolo, continua a vederlo, innamorata e sessualmente succube di lui.

Ne resta incinta, ma lui la spinge ad abortire e lei rinuncia al bambino.


Per lui rinuncia anche a Carlo, compagno di studi che le fa una corte ossessiva e che arriva anche a chiederle di sposarlo, pur sapendo di Cesare e dell’aborto illegale, fatti che, all’epoca, per una ragazza, erano causa di biasimo e di qualcosa di peggio.

Enrica, nel rifiutare la proposta di Carlo, accetta, comunque, di donargli un ultimo amplesso prima dell’addio definitivo.


La sequenza narrativa del loro ultimo incontro è descritta nel capitolo finale del romanzo del 1963 e incuriosisce al punto che merita di essere indagata più da vicino.

Infatti, in essa, Carlo diventa un personaggio ancora più “singolare” di quanto già non fosse.


Se, infatti, fino a quel momento è sembrato al lettore lo spasimante al limite dell’ossessione, nell’ultima sequenza le sue motivazioni potrebbero essere rilette sotto un’altra luce.


Infatti, potrebbe sembrare che Carlo, più che da Enrica, sia segretamente attratto da Cesare.

Lo lasciano intendere certe sue affermazioni rivolte con insistenza alla ragazza.


Quando Enrica esce dalla casa di Cesare dove ha “consumato” un ultimo addio, Carlo - che l’ha attesa vicino al palazzo - la invita a seguirlo, dicendole, tra l’altro: «Non mi importa niente se ti ha lasciata sporca di lui e col suo odore addosso.».

E se, sulle prime, al lettore tale affermazione potrebbe sembrare quella di un ragazzo disperato e pronto a passare su qualsiasi cosa pur di avere di nuovo tra le braccia la ragazza che ama, quando i due si trovano stesi sul letto della cameretta di Carlo, quelle parole, assieme alle nuove pronunciate dal ragazzo, suonano in modo differente.


«”È il suo odore questo” - Mi sfiorò il corpo con le labbra, strappandomi di dosso la sottoveste e il reggipetto - “è il suo odore. E queste sono tracce del suo seme.” [...] Affondava la faccia nel mio petto. Rialzava la testa per parlarmi di Cesare e tornava a baciarmi, furioso.» 

E, quando lei gli intima di smetterla, lui le chiede: «Ti disgusto? Dillo che ti disgusto!».


Ora, francamente, il sospetto che, per Carlo, il corpo di Enrica sia solo un tramite per arrivare agli odori e al seme di Cesare è davvero forte. Quasi una certezza.

E quel «Non so neanche se ti desidero più.» pronunciato dal ragazzo appena arrivati nella sua cameretta e prima di stendersi sul letto con lei, suona come un lapsus… un modo per dire che non è lei il vero oggetto del suo desiderio...


Ma le ragioni nascoste di Carlo restano mute, perché, nonostante lui dica ad Enrica che ha tante cose da dirle, lei se ne va senza ascoltarle.


Forse il giovanissimo Remo non è l’unico bisessuale del romanzo…


L’età del malessere è disponibile su Amazon

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…