Passa ai contenuti principali

Ma a Nick de "Il grande Gatsby" piacevano gli uomini?

Francis Scott Fitzgerald

La storia narrata da Francis Scott Fitzgerald ne Il grande Gatsby è nota: si tratta del disperato tentativo di Gatsby di “riprendere il filo del discorso” lì dove si era interrotto cinque anni prima e, finalmente, vivere, fino in fondo, il suo amore per Daisy.

Tentativo che lo condurrà dritto alla tomba…


Il romanzo va letto (o riletto) perché scritto “in stato di grazia”: non solo riesce a descrivere con precisione gli stati emotivi, prossimi all’infantilismo, dell’eterno innamorato Jay Gatsby, ma rende bene l’idea della parossistica sete di vita e della frenesia di divertimenti sia dei frequentatori delle feste date da Gatsby nella propria villa e sia, soprattutto, degli altri protagonisti della vicenda (usciti indenni dalla Grande Guerra), a partire dalla coppia formata da Daisy e dal marito Tom.


Ma tutti i protagonisti del romanzo, nonostante gli sforzi profusi, sono destinati a cocenti disillusioni: «risospinti senza posa nel passato» che ha forgiato il loro presente e, per chi lo ha, probabilmente, anche il futuro.


Dato - come detto - che la trama del romanzo è assai nota, qui ci si vuole soffermare su una questione, un dubbio: a Nick, narratore e co-protagonista della storia, piacevano gli uomini?


Nel romanzo non vi è esplicito riferimento alla possibile omosessualità o bisessualità di Nick, ma alcuni “non detti” mettono la pulce nell’orecchio…


Nel primo capitolo, ad esempio, Nick nega risolutamente di essere ufficialmente fidanzato con una ragazza e, anzi, ammette di essersene andato dalla città che gli ha dato i natali proprio per non lasciarsi «spingere dalle chiacchiere al matrimonio». 

Ma non è strano che un trentenne abbandoni la casa natia perché non vuole sposarsi?


Il secondo capitolo, poi, termina con una scena assolutamente sbalorditiva.

Dopo una festicciola a base di alcolici, Nick segue, mezzo sbronzo, un uomo sposato appena conosciuto.

Nick dice di avere ricordi confusi della fine della serata, ma scrive: «… Ero in piedi accanto al suo letto, e lui era seduto tra le lenzuola, in mutande [...]»*.

Sembra la descrizione di un momento susseguente un rapido amplesso consumato durante il periodo di tempo indicato dai tre puntini di sospensione a inizio frase…


Infine, nell’ultimo capitolo, quando Nick si congeda dalla signorina Jordan Baker, dopo averla corteggiata o averne dato l’impressione, lei gli dice «[...] è colpa mia se non ho capito niente. Credevo che tu fossi una persona piuttosto onesta, leale», e lui ribatte «Ho cinque anni di troppo per mentire a me stesso [...]».    

Uno scambio dialogico che sembra alludere ad altro…


Il dubbio che a Nick piacessero gli uomini non sembra, quindi, campato in aria…



_________________

* « ... I was standing beside his bed and he was sitting up between the sheets, clad in his underwear, [...]». Ho sotto mano due edizioni italiane del romanzo e, in esse, la parola “underwear” viene tradotta “maglia” (da Fernanda Pivano) e “camicia” (da Tommaso Pisanti). Il Longman Active Study Dictionary of English definisce “underwear” «the clothes worn next to the body under other clothes» («i vestiti indossati vicino al corpo sotto altri vestiti»). Non ci sono dubbi, quindi, che l’uomo appena conosciuto da Nick stesse sul letto in mutande. 

 


Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…