Passa ai contenuti principali

Il romanzo di due solitudini | Gli occhiali d'oro di Bassani


Gli occhiali d’oro di Giorgio Bassani è un vero capolavoro.

Uno di quelli che vanno letti e riletti.

Un testo che dovrebbe essere sempre tenuto bene a mente, perché racconta vicende che non si devono dimenticare.


Oltre alla trama principale nella quale si narra del dottor Fadigati (il possessore degli occhiali del titolo) segretamente omosessuale, c’è quella secondaria - ma non meno importante - del narratore senza nome, giovane studente di Lettere all’Università di Bologna, di religione ebraica (Bassani stesso?).


La data in cui i fatti si svolgono è il 1937, l’anno dell’esplosione, in Italia, dei sentimenti antiebraici che, nel 1938, prenderanno forma legale con le leggi razziali fasciste.


Il romanzo, quindi, mette in evidenza due tipi di discriminazione: quella verso gli omosessuali e quella verso gli ebrei.


La prima esplode rancorosa quando Fadigati smette i panni dell’uomo riservato e vive in piena luce la sua relazione con il giovane e bellissimo Eraldo Deliliers.


La seconda si presenta strisciante e subdola, ma non per questo meno dolorosa: l’io narrante la percepisce netta sulla propria pelle e ne avverte il peso.


Proprio la consapevolezza di essere, improvvisamente, diventato un reietto per la società dei cristiani fascisti e benpensanti, fa sì che l’io narrante percepisca e comprenda la sofferenza di Fadigati, uomo maturo tradito e sfruttato dal giovane atleta bisessuale e senza scrupoli.


Un uomo, il dottor Fadigati, che, per avere osato “ostentare” il proprio amore, perde la sua onorabilità e, con essa, la posizione sociale.


Un ragazzo, l’io narrante, che, dall’oggi al domani, diventa un “diverso”, solo perché appartiene a una minoranza religiosa.


Ed è struggente la sequenza dell’incontro dei due “diversi” una notte nebbiosa di novembre: l’io narrante appena uscito da un bordello; il dottore a spasso per Ferrara inseguito da una cagnetta randagia.


Sono due persone sole loro malgrado che si salutano; scambiano due chiacchiere e che - quando dallo stesso casino da cui è uscito il ragazzo, ne esce un gruppo di giovinastri - si allontanano in fretta, perché temono di poter diventare delle prede, delle vittime sacrificali da esporre sull’altare votivo innalzato dalla maggioranza ottusa e becera.


Un romanzo, dunque, quello di Bassani, che sa descrivere bene cosa significhi appartenere a una minoranza: il senso di solitudine e le paure che si provano.


Gli occhiali d’oro è disponibile su Amazon.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…