Crialese onirico, poetico e delicato


L’immensità di Emanuele Crialese è un film onirico, poetico e delicato che parla del rapporto privilegiato e “anomalo” tra un adolescente FTM e sua madre.

Onirico perché Andrea, l’adolescente transgender protagonista della pellicola, proietta nella sua fantasia momenti “iconici” della televisione nazional-popolare e li trasfigura sostituendo sua madre e se stesso ai veri protagonisti.

E così, per fare un solo esempio, lui diventa Adriano Celentano e la madre Raffaella Carrà alle prese con Prisencolinensinainciusol

Una sequenza di cui, volutamente, chi scrive non svela i dettagli e che “rischia” di diventare un cult della cinematografia nazionale.


Poetico perché il rapporto speciale che lega l’adolescente e sua madre va “oltre” e si “rovescia”: la madre da protettiva diventa colei che ha bisogno di protezione e a proteggerla c’è lui; sempre e in ogni occasione.


Delicato perché racconta con delicatezza anche i momenti difficili che Andrea e la sua famiglia devono affrontare.


Nei ruoli principali due attrici davvero “in parte” e assai brave: la madre-bambina di Penelope Cruz e l’adolescente determinato e sognatore di Luana Giuliani.


Un film di cui si consiglia la visione.


---------------

📢 Resta in contatto con Danilo Ruocco

Commenti

Post più visti del mese

Le parole del porno

Contro Timarco il prostituto

Perché i pornoattori lo hanno grosso?