Il coming out non è una dichiarazione di disponibilità sessuale


A differenza di quanto possano pensare alcuni etero, il coming out non è una dichiarazione di disponibilità sessuale, ma un’affermazione identitaria: sono una persona LGBT e non mi nascondo, perché sono sereno con me stesso.

Comunicare a qualcuno di essere una persona LGBT, dunque, non significa affatto aprire le porte della camera da letto al proprio interlocutore!


Eppure, succede ancora oggi di assistere a reazioni davvero imbarazzanti:  si va dagli etero che si affrettano a specificare che loro sono normali e, quindi, non ci stanno; a quelli che, invece, ci provano senza ritegno, restandoci male di fronte a un netto rifiuto.


Entrambe le reazioni, però, lasciano l’amaro in bocca in chi ha appena fatto coming out, in quanto presuppongono che certi (molti?) etero giudicano le persone LGBT facili; o, meglio, sempre pronte a farlo con chiunque.


Anche a causa di tale implicito giudizio alquanto svilente, molte persone LGBT preferiscono non dichiararsi affatto.

Commenti

Post più visti del mese

Le parole del porno

Chi è il bicurioso. Ovvero della sperimentazione

Perché i pornoattori lo hanno grosso?