Passa ai contenuti principali

11 giugno 2011: Roma capitale europea dell'Orgoglio Gay


Dal sito dell'Europride:
Europride è il più grande evento internazionale GLBT, ospitato da una città europea diversa ogni anno. Il 2011 è l’anno di Roma.

Sabato 11 giugno 2011 per le strade di Roma sfila la grande parata dell'EuroPride. La manifestazione sarà preceduta e seguita da tutto un ricco calendario di eventi culturali, artistici, di musica e spettacolo, di elaborazione politica e di sport.


Roma è la città che ospita il Vaticano, centro di una delle religioni che più si mostrano ostili nei confronti dell' omosessualità, del riconoscimento di pari diritti per le coppie e le famiglie gay, dell'omogenitorialità, della prevenzione e della lotta dell'aids attraverso la diffusione dell'uso consapevole e informato del preservativo nei rapporti sessuali.

Non solo. La legislazione italiana, anche a causa delle continue ingerenze vaticane, non riconosce alcun diritto alle persone GLBT, contribuendo in questo modo al consolidamento di pregiudizi, ignoranza e discriminazione, che sono sfociati negli ultimi anni anche in episodi di violenza.

Per questi motivi è molto importante per l’Italia e per Roma la vostra presenza numerosa e la vostra partecipazione alla manifestazione dell’11 giugno, qualunque sia il vostro orientamento sessuale e la vostra identità di genere.
L'Europride è organizzato dal Circolo Mario Mieli, da ArciGay,  dall'Agedo, dall'Associazione Famiglie Arcobaleno e dal MIT (Movimento Identità Transessuale)

Commenti

  1. Può diventare epocale solo se alla manifestazione parteciperanno davvero migliaia di persone che faranno sentire la loro voce.

    RispondiElimina
  2. Su questo, spero vivamente, non ci saranno dubbi! Per me resta epocale comunque: pensa che a Roma c'è il papa, che quest'anno è il 150° anniversario dell'unità d'Italia e che ci sarà l'Europride e nessuno si è opposto, anche se a denti stretti... :D

    RispondiElimina
  3. Temo che più ci avvicineremo all'evento e più si faranno sentire le voci degli omofobi che prevedo parleranno di dignità offesa dell'Italia, di attacco becero al Vaticano e chiederanno di annullare la manifestazione. Ovviamente senza mai dare una ragionevole spiegazione delle loro urlate stupidaggini...

    RispondiElimina
  4. Danilo, vedrai che si rovineranno con le loro stesse affermazioni, d'altronde le critiche ci saranno sempre... Non facciamoci rovinare la festa, godiamocela per quello che sarà e, ripeto, per me comunque sarà importante! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.