Passa ai contenuti principali

Identità e comportamenti


Sono dell'idea che un comportamento non sia in grado di definire un'identità, soprattuto, poi, se si tratta di un comportamento saltuario.
La percezione che ognuno ha di sé in quanto individuo (e che è parte integrante della propria identità) è talmente soggettiva e coinvolge tante e tali variabili che un comportamento “non fa primavera”.

È l'individuo che definisce la propria identità e lo fa sempre in piena coscienza, non sbagliando, né mentendo.
A mio avviso, le false percezioni di sé esistono solo in casi estremi. In tutti gli altri casi non si produce una distorsione tale da essere erronea o mendace. Si può non accettare la percezione che si ha di sé, non sbagliarla!
Colui che si autodefinisce (quando lo fa per sé e non per gli altri) lo fa sapendo che mentire a se stesso è stupido, oltre che inconcludente.

Per portare qualche esempio, ci si può (come avviene spesso) definire omosessuale a otto anni, senza neppure aver mai visto un uomo nudo. Lo si fa al di là di un comportamento sessuale (che è bene non ci sia). Lo si fa perché lo si è capito e, forse, prima di consumare un atto omosessuale passeranno anni e anni, ma, ad ogni modo, si sa di essere omosessuali. Magari si avranno molteplici comportamenti eterosessuali e nessuno omosessuale, ma ciò non toglie che, davanti allo specchio, ci si percepisca come un omosessuale (magari non praticante).
Parimenti, un adulto eterosessuale consapevole di avere delle pulsioni omosessuali (alle quali dà libero sfogo di tanto in tanto) non per questo deve definirsi bisessuale od omosessuale se, davanti allo specchio, si vede e si sente eterosessuale. Egli è quello che è in base a come si percepisce.
E, ancora, un adulto votato alla castità che non ha mai avuto un rapporto sessuale con chicchessia, è totalemente in grado di percepirsi come etero, bi od omosessuale.

In definitiva, penso che ognuno abbia il diritto di definire la propria identità come meglio crede, in quanto è l'unico che può davvero sapere quello che è.

Ciò detto, oggi, lungi dal chiedere alle persone di autodefinirsi, molti hanno la frettolosa tendenza a etichettare gli altri come fossero prodotti da banco. Li catalogano non solo in base ai loro comportamenti, ma anche in base a ciò che non fanno o non dicono o, peggio ancora, in base al loro aspetto fisico.
Ad esempio, un ragazzino un po’ efebico a cui non piace giocare a calcio corre il serio pericolo di essere etichettato come un “frocetto”, pur essendo, magari, un eterosessuale convinto e praticante. Al contrario, un omone villoso e dai modi bruschi è automaticamente uno sciupafemmine, pur, magari, percependosi e/o essendo un omosessuale convinto.

Oggi non si chiede alle persone “chi sei”, ma le si inchioda allo stereotipo perché ciò che manca non è il tempo per domandare, ma il rispetto verso gli altri.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.