Passa ai contenuti principali

Omosessuali si nasce, gay si diventa


Da anni si dibatte sul fatto se omosessuali si nasca o si diventi. A discuterne filosofi, teologi, scienziati e professori vari. Nessuno è riuscito a dare una risposta tale da diventare definitiva.
Quella che segue, quindi, è solo un'opinione personale e non ha pretesa di scientificità.
Penso che omosessuali si nasca e gay si diventi.
Mi spiego.
Credo che l'attrazione verso persone che hanno il medesimo sesso sia innata. Tale attrazione può essere ascoltata, oppure repressa, ma non cancellata, proprio perché essa è innata.
In altre parole, gli omosessuali possono accettare la loro natura, oppure negarla, ma non mutarla (o, peggio, tentare di guarirne come se essa fosse una malattia).
Coloro che accettano la loro innata natura di omosessuali e la vivono con serenità, magari adoperandosi affinché anche le minoranze sessuali possano godere dei medesimi diritti civili di cui godono i cittadini che fanno parte della maggioranza, non sono solo omosessuali, ma gay.
E, siccome accettarsi e raggiungere la serenità, spesso, è un tragitto che può anche essere tortuoso e accidentato, e, nei casi peggiori, può non raggiungere la meta sperata, solo alla fine del percorso si può dire di essere diventati gay. Ovvero, si passa dall'essere omosessuali all'essere gay solo dopo essersi accettati.
Ci si potrebbe chiedere perché, se l'omosessualità è innata essa debba essere accettata da chi è omosessuale. 
La risposta è semplice: la riprovazione verso l'omosessualità proveniente da certi ambienti è talmente forte che l'omosessualità stessa, invece di essere percepita come una delle opzioni naturali della sessualità, viene fatta passare come un errore della natura. Così facendo, si confonde la volontà castrante di una classe dominante con la volontà della natura. 
Ovviamente, più si è vittime della volontà castrante e di dominio, più difficile potrà essere il percorso che porta all'accettazione di sé.
Ma una volta vinta la battaglia contro i poteri castranti, allora si sarà serenamente gay.

Commenti

  1. il percorso di accettazione è causato dalla cattiva educazione della società che da piccoli nn da la possiblità di identificarsi in qello che s è.perchè danno dei canoni limitati,sbagliati e spesso ritenuti anche migliori..qindi ovviamente ci son messe in discussioni per capirsi ,,,quindi nn dite cazzate gay o omosex si nasce le cazzate raccontatele a qualcun altro

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.