Passa ai contenuti principali

Omosessuali si nasce, gay si diventa


Da anni si dibatte sul fatto se omosessuali si nasca o si diventi. A discuterne filosofi, teologi, scienziati e professori vari. Nessuno è riuscito a dare una risposta tale da diventare definitiva.
Quella che segue, quindi, è solo un'opinione personale e non ha pretesa di scientificità.
Penso che omosessuali si nasca e gay si diventi.
Mi spiego.
Credo che l'attrazione verso persone che hanno il medesimo sesso sia innata. Tale attrazione può essere ascoltata, oppure repressa, ma non cancellata, proprio perché essa è innata.
In altre parole, gli omosessuali possono accettare la loro natura, oppure negarla, ma non mutarla (o, peggio, tentare di guarirne come se essa fosse una malattia).
Coloro che accettano la loro innata natura di omosessuali e la vivono con serenità, magari adoperandosi affinché anche le minoranze sessuali possano godere dei medesimi diritti civili di cui godono i cittadini che fanno parte della maggioranza, non sono solo omosessuali, ma gay.
E, siccome accettarsi e raggiungere la serenità, spesso, è un tragitto che può anche essere tortuoso e accidentato, e, nei casi peggiori, può non raggiungere la meta sperata, solo alla fine del percorso si può dire di essere diventati gay. Ovvero, si passa dall'essere omosessuali all'essere gay solo dopo essersi accettati.
Ci si potrebbe chiedere perché, se l'omosessualità è innata essa debba essere accettata da chi è omosessuale. 
La risposta è semplice: la riprovazione verso l'omosessualità proveniente da certi ambienti è talmente forte che l'omosessualità stessa, invece di essere percepita come una delle opzioni naturali della sessualità, viene fatta passare come un errore della natura. Così facendo, si confonde la volontà castrante di una classe dominante con la volontà della natura. 
Ovviamente, più si è vittime della volontà castrante e di dominio, più difficile potrà essere il percorso che porta all'accettazione di sé.
Ma una volta vinta la battaglia contro i poteri castranti, allora si sarà serenamente gay.

Commenti

  1. il percorso di accettazione è causato dalla cattiva educazione della società che da piccoli nn da la possiblità di identificarsi in qello che s è.perchè danno dei canoni limitati,sbagliati e spesso ritenuti anche migliori..qindi ovviamente ci son messe in discussioni per capirsi ,,,quindi nn dite cazzate gay o omosex si nasce le cazzate raccontatele a qualcun altro

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Innamorata di un gigolo bisessuale

Pubblicato agli inizi degli anni Sessanta del Novecento, La scuola della carne di Yukio Mishima, edito in Italia da Feltrinelli, è un romanzo estremamente moderno.
In esso si racconta la storia d’amore della quasi quarantenne Taeko, con il giovane gigolo ventunenne Senkichi, conosciuto in un locale gay dove svolge il lavoro di barman e dove si prostituisce indifferentemente con uomini e donne.
Senkichi è virile e distante, quasi altezzoso e, per denaro, disposto a fare qualsiasi cosa. Lei ne resta ammaliata e - dopo una notte di sesso mercenario - se ne innamora al punto che decide di fare progetti di vita assieme al fascinoso ragazzo.
Progetti che, via via, si fanno sempre più impegnativi anche dal punto di vista emotivo e che mutano di momento in momento data l’imprevedibilità caratteriale di Senkichi e la sua sete di libertà, successo e ricchezza.
Una storia che tiene il lettore incollato alla pagina e che è raccontata mantenendo il punto di vista della protagonista e procedendo con una…