Passa ai contenuti principali

Coming out, istruzioni per l'uso

Come non detto di Roberto Proia è un manuale scritto per preparare i gay non dichiarati a fare coming out, ossia, appunto, a dichiarare la propria omosessualità.
Scritto usando un tono leggero e spiritoso, il libro è perfettamente in grado di illustrare tutte (o quasi tutte) le casistiche classiche che possono verificarsi a ridosso, durante e dopo il coming out.
Il tono è volutamente scherzoso, perché è volontà dell'Autore di sdrammatizzare. Infatti, troppo spesso, parlando di coming out, si assumono toni da tragedia, per un evento che, in realtà, per chi lo compie è lieto, in quanto liberatorio e segno dell'avvenuta accettazione di sé in quanto omosessuale.
Per affrontare le varie fasi del coming out (dalla negazione che esso sia un passo necessario da compiere, all'orgoglio per la compiuta accettazione di sé che si prova dopo la dichiarazione, qualsiasi sia stato l'effetto sugli uditori), l'Autore passa dalla classica scrittura da manuale, a inserti di sceneggiatura (Come non detto è anche un film); da testimonianze di coming out di persone comuni, a quelle di personaggi celebri; dai consigli essenziali (come quello di non coinvolgere il boy friend nel proprio coming out, in quanto "situazione potenzialmente complicata"), agli esercizi di preparazione al G-Day, ossia il giorno in cui si diventa gay dichiarati.
Un libretto utile sia a quanti non hanno ancora trovato il coraggio di "uscire dall'armadio" (traduzione di "coming out of the closet") in cui si sono rifugiati per nascondere, negare, tacere... la propria omosessualità, sia a coloro (eterosessuali e no) che pensano che un omosessuale possa fare quello che vuole, basta che non lo dica in giro (ossia, negando se stesso, tacendo sulla sua vera natura). Invece, ricorda l'Autore, 
avere rapporti onesti con le persone che contano per noi è fondamentale. È giusto offrire agli altri la possibilità di sapere chi siamo e di amarci come siamo al cento per cento.
Come detto, il libro offre suggerimenti anche per la fase post coming out che, se per chi lo compie è un punto di arrivo (magari di un percorso interiore durato anni), per chi ne è il destinatario (ossia chi si sente fare la dichiarazione) è sempre un punto di partenza: bisogna avere pazienza e ricordarsi di essere tolleranti con coloro con i quali si è scelto di rivelarsi (anche quando si tratti di un "segreto di Pulcinella").
In definitiva, Come non detto è un libro piacevole, oltre che utile, che merita una lettura.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.