Passa ai contenuti principali

Un caso di ordinaria omofobia

Il caso di Eddy Bellegueule di Édouard Louis, edito in Italia da Bompiani, è un romanzo, ma potrebbe essere un memoriale.
Ambientato agli inizi degli anni Duemila in un paesino povero e degradato della Francia del Nord (in Piccardia, per la precisione), il romanzo narra l’infanzia di Eddy, piccolo omosessuale effeminato, vittima dell’omofobia.
Il paesino in cui Eddy vive, è impregnato di maschilismo, razzismo e omofobia. 
Un paesino nel quale i cittadini sono convinti che essere “maschi” voglia dire essere violenti; lasciare la scuola e andare a lavorare in fabbrica; fare il duro e odiare “negri”, arabi e “froci”. Lo stesso paesino nel quale essere “femmine” vuol dire fare figli; accudire e governare mariti, figli e vecchi; fare la cassiera ed essere custodi della memoria familiare che si trasmette tramite il racconto di “fatti memorabili”.
Una società, dunque, dove rigida è la divisione di ruoli per genere.
Una società dove Eddy, diverso sia perché è effeminato, sia perché è omosessuale e sia perché ambisce a una vita migliore, diventa, a scuola, bersaglio dell’omofobia violenta di due bulli e, in paese, di quella verbale (e non meno violenta) della sua famiglia e dei suoi concittadini.
Eddy, malmenato ogni giorno a scuola e insultato a casa, introietta l’omofobia di cui è vittima e sogna e tenta di diventare “normale”: un eterosessuale; un duro. Ma il corpo, il suo corpo di omosessuale, lo tradisce e il desiderio per gli uomini si manifesta con tutta evidenza, come, con altrettanta evidenza, si palesa il disinteresse nei confronti delle donne.
Louis racconta la vita di Eddy nei dettagli e non risparmia crudezze alla sua narrazione. La violenza è descritta minuziosamente, così come la povertà e la degradazione sociale nelle quali il piccolo vive con disagio via via crescente.
Anche i primi “giochi” sessuali sono descritti nei particolari: non per volontà pornografica, ma per precisa esigenza narrativa. Essi, infatti, per una serie di circostanze, diventeranno di dominio pubblico; ma la verità di quei “giochi” sarà distorta da chi la racconta a tutto svantaggio di Eddy che, del gruppetto di maschietti che ha partecipato ai “giochi”, risulterà essere l’unico “frocio”. Infatti, lo spiega bene il protagonista (voce narrante del romanzo), «Il delitto non è fare, ma essere. E soprattutto sembrare.». Ovvero, non è un “delitto” il sesso omosessuale. Lo è essere omosessuali, ma soprattutto apparire come tali, perché effeminati.
La spirale di violenza omofoba non si placa e, falliti i tentativi di diventare eterosessuale e duro, a Eddy non resta che la fuga verso una vita diversa.

Il finale del romanzo (che merita di essere letto e che in Francia è un vero caso letterario) è amaro e, in un certo senso, aperto.

Il caso Eddy Bellegueule è disponibile su Amazon.it

Commenti

  1. ilGrandeColibri6 luglio 2014 15:49

    Purtroppo il bullismo omofobico è poco presente sui libri, e quando è presente è spesso trattato in modo molto superficiale o "buonista": per questo libri come quello di Édouard Louis sono così importanti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.