Passa ai contenuti principali

Che tristezza il fedifrago discreto!

Ho già avuto modo di scrivere qui e altrove che non credo che la fedeltà in un rapporto di coppia sia un valore.

Ovvero, penso che condividere il proprio corpo (e/o il proprio cuore) con qualcuno che non sia il proprio partner abituale non sia una causa sufficiente a incrinare il rapporto: se c’è amore non può esserci anche volontà di possesso esclusivo (e gelosia conseguente). 

Possedere una persona, infatti, a mio avviso, è il contrario di amare una persona.

Aggiungo anche che credo che un buon rapporto si basi, oltre che sull’amore e sull’intesa sessuale, anche sulla sincerità dei presupposti e sul rispetto dei patti che devono essere “sottoscritti” con onestà intellettuale.
In altre parole, se siete tra coloro che non credono che la fedeltà sia un valore e/o sapete per esperienza e conoscenza di voi stessi che non riuscirete mai a essere fedeli, è bene che lo facciate sapere alla persona che amate. 

Si tratta di rispettare innanzitutto voi stessi, oltre che la persona amata.
Chi, invece, si spaccia per persona fedele pur non essendolo, non rispetta se stesso e neppure l’altra persona. 
E non la rispetta non tanto perché la “cornifica”, bensì perché le mente.
E chi vive nella menzogna, vive di sotterfugi.

Premesso ciò, si comprenderà come certe persone mi facciano tristezza.
Sto pensando al plotone di fedifraghi che popolano le app di dating.

Li si riconosce perché, in genere, 
  • non mostrano la faccia nei loro profili;
  • chiedono e offrono “discrezione”;
  • lasciano i loro profili vuoti;
  • cercano “solo sesso” o “divertimento”;
  • sono “bisex curiosi” (ma quando si smette di essere “curiosi” e si diventa bisex a tutti gli effetti?);
  • dichiarano di essere “fidanzati” o “sposati” (se hanno le palle per farlo);
  • spariscono e ti “bloccano” subito dopo essersi “divertiti”;
  • piuttosto che darti il numero di telefono rinunciano all’incontro;
  • cercano “ospitali” perché, pur non vivendo più coi genitori, non possono “ospitare”.
Costoro, sia chiaro, mi fanno tristezza non perché cercano sesso e svago al di fuori del rapporto di coppia, ma perché lo fanno, con tutta evidenza, all’insaputa dei propri partner.

Costoro mi fanno tristezza perché vivono in modo disonesto il loro rapporto d’amore e conducono una doppia vita.

Poi, sia chiaro: contenti loro...

Leggi anche

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.