Passa ai contenuti principali

La Chiesa che protegge i preti pedofili

Nel 2015 il film Il caso Spotlight di Tom McCarthy ricostruiva il lavoro investigativo di una squadra di giornalisti del quotidiano “The Boston Globe” che, nel 2001-2002, fece emergere in tutta la sua gravità la piaga della pedofilia all'interno della Chiesa cattolica di Boston e, sull'onda dell’emozione suscitata dalle rivelazioni, degli Stati Uniti.
Nel 2002 la redazione investigativa del quotidiano aveva pubblicato un primo volume che si affiancava agli oltre 600 articoli che erano usciti sul giornale per raccontare lo scandalo nel suo complesso.
Nel 2015, dopo l’uscita del film, gli autori dell’inchiesta hanno deciso di redigere ex novo una nuova versione del loro primo libro, completandola con gli sviluppi del caso.
In Italia, tale seconda versione è stata edita nel 2016 da Piemme con il titolo Tradimento.

Si tratta di un libro che si legge senza alcuna difficoltà e che racconta nel dettaglio di come, per decenni, i preti pedofili abbiano abusato (ma meglio sarebbe dire stuprato) migliaia di bambini (alcuni avevano appena dai 4 ai 6 anni) e ragazzini sia in età prepuberale, sia in pieno sviluppo, nella sicurezza quasi totale di non subire conseguenze.
Infatti le più alte autorità ecclesiastiche (ossia vescovi e cardinali), ben consapevoli del danno che uno scandalo avrebbe procurato alla credibilità della Chiesa cattolica nel suo complesso, hanno agito insabbiando i fatti e, di conseguenza, proteggendo i preti pedofili, a danno delle vittime, verso le quali non manifestavano alcuna pietà o vicinanza. 

Il volume, quindi, prende in esame il modus operandi dei preti pedofili e le conseguenze del loro agire sulle vittime; svela le azioni messe in atto delle gerarchie cattoliche per proteggere i preti pedofili e indurre al silenzio le vittime e le loro famiglie; analizza gli effetti prodotti dallo scandalo suscitato dall'inchiesta giornalistica sia a breve termine, sia nel lungo periodo.

“La gravità del tradimento - la violazione dell’innocenza dei bambini, della fiducia dei genitori, dei voti sacerdotali, delle responsabilità dei vescovi, dei precetti fondamentali dei cattolicesimo - era incredibile” si legge nell'Introduzione alla seconda versione del saggio. 
Come dare torto agli autori?

Tradimento è un libro da leggere tenendo ben presente che la piaga della pedofilia nella Chiesa cattolica non è ancora stata sanata, come ha recentemente mostrato Emiliano Fittipaldi con Lussuria.

Tradimento è disponibile in Amazon

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.