Passa ai contenuti principali

La Chiesa che protegge i preti pedofili

Nel 2015 il film Il caso Spotlight di Tom McCarthy ricostruiva il lavoro investigativo di una squadra di giornalisti del quotidiano “The Boston Globe” che, nel 2001-2002, fece emergere in tutta la sua gravità la piaga della pedofilia all'interno della Chiesa cattolica di Boston e, sull'onda dell’emozione suscitata dalle rivelazioni, degli Stati Uniti.
Nel 2002 la redazione investigativa del quotidiano aveva pubblicato un primo volume che si affiancava agli oltre 600 articoli che erano usciti sul giornale per raccontare lo scandalo nel suo complesso.
Nel 2015, dopo l’uscita del film, gli autori dell’inchiesta hanno deciso di redigere ex novo una nuova versione del loro primo libro, completandola con gli sviluppi del caso.
In Italia, tale seconda versione è stata edita nel 2016 da Piemme con il titolo Tradimento.

Si tratta di un libro che si legge senza alcuna difficoltà e che racconta nel dettaglio di come, per decenni, i preti pedofili abbiano abusato (ma meglio sarebbe dire stuprato) migliaia di bambini (alcuni avevano appena dai 4 ai 6 anni) e ragazzini sia in età prepuberale, sia in pieno sviluppo, nella sicurezza quasi totale di non subire conseguenze.
Infatti le più alte autorità ecclesiastiche (ossia vescovi e cardinali), ben consapevoli del danno che uno scandalo avrebbe procurato alla credibilità della Chiesa cattolica nel suo complesso, hanno agito insabbiando i fatti e, di conseguenza, proteggendo i preti pedofili, a danno delle vittime, verso le quali non manifestavano alcuna pietà o vicinanza. 

Il volume, quindi, prende in esame il modus operandi dei preti pedofili e le conseguenze del loro agire sulle vittime; svela le azioni messe in atto delle gerarchie cattoliche per proteggere i preti pedofili e indurre al silenzio le vittime e le loro famiglie; analizza gli effetti prodotti dallo scandalo suscitato dall'inchiesta giornalistica sia a breve termine, sia nel lungo periodo.

“La gravità del tradimento - la violazione dell’innocenza dei bambini, della fiducia dei genitori, dei voti sacerdotali, delle responsabilità dei vescovi, dei precetti fondamentali dei cattolicesimo - era incredibile” si legge nell'Introduzione alla seconda versione del saggio. 
Come dare torto agli autori?

Tradimento è un libro da leggere tenendo ben presente che la piaga della pedofilia nella Chiesa cattolica non è ancora stata sanata, come ha recentemente mostrato Emiliano Fittipaldi con Lussuria.

Tradimento è disponibile in Amazon

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…