Passa ai contenuti principali

Una vita da guerriera

L’attivista transgender Monica Romano ricostruisce la sua esperienza di lotta a favore del riconoscimento dei diritti delle persone GLBT con un volume a metà tra il libro di memorie e il saggio.
In Gender (R)evolution edito da Mursia, la Romano alterna, infatti, momenti di puro autobiografismo ad altri in cui spiega alcuni termini legati al mondo della variabilità di genere o ricorda figure importanti per il movimento GLBT, sempre valorizzando l’esperienza di gruppo, in quanto il gruppo è in grado di dare forza e supporto ai singoli.
Ne risulta un libro assai godibile, la cui lettura è consigliata non solo alle persone GLBT, ma a tutti coloro che vogliono comprendere meglio la vita e il pensiero delle persone transgender visibili e politicamente impegnate.


E, forse, non è inutile sottolineare come Monica Romano rivendichi per sé la definizione di transgender al posto di transessuale. 
Se, infatti, il termine “transessuale” pone l’accento su un passaggio da un genere a un altro; la parola “ombrello” “transgender", invece, rivendica la possibilità di assumere la variabilità di genere a mo’ di status.
In altre parole, il termine transgender definisce «tutte quelle persone che non si riconoscono nella visione duale dei generi, chiamate di genere non conforme». 

Una posizione, quella scelta da Monica Romano, coerente con la sua lotta politica da attivista GLBT che si adopera, tra l’altro, anche per combattere il binarismo.
Una lotta, quella della “guerriera” Monica, anche a favore della possibilità per ognuno «di decidere del suo corpo come più gli aggrada»; ossia la possibilità di scegliere anche di non seguire percorsi medicalizzati, fatti di terapie ormonali e di analisi psicologica e di interventi chirurgici di “riassegnazione del sesso”.
Va da sé, ricorda la Romano, che la «definizione che si sceglie per se stessi, in molti casi, non è rigida e immutabile». 

Una verità, quella della non immutabilità del sé e della definizione che se ne dà, che andrebbe ripetuta spesso, specie a quanti pensano che esista un solo e unico modo giusto di essere maschi o femmine, uomini o donne.

Il racconto della Romano, dunque, si snoda tra rievocazioni di fatti personali (non tutti positivi o auto-celebrativi), e puntualizzazioni di carattere politico.


Leggi anche:


Gender (R)evolution è disponibile in Amazon

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.