Passa ai contenuti principali

Perché combattere per il matrimonio egualitario

Nei giorni tristi in cui ministri della Repubblica italiana discriminano e si fanno guidare dalla loro perniciosa omofobia, vale la pena riprendere in mano un libro di Sebastiano Mauri in cui si spiega con parole semplici, ma supportate da molti studi scientifici, perché ci si debba battere per il matrimonio egualitario.

Il giorno più felice della mia vita di Mauri edito da Rizzoli nel 2015 (prima, quindi, dell’approvazione della legge sulle Unioni civili) è un “saggio in prima persona”, ovvero, un saggio vero e proprio, ma arricchito con fatti e dettagli della vita privata dell’Autore.

Mauri spiega assai bene i pregiudizi omofobi contro i quali ogni persona GLBT deve combattere fin dalla più tenera età per poter semplicemente arrivare ad accettare se stesso/a e vivere assecondando la propria natura.
Pregiudizi alimentati dalle parti più passatiste e conservatrici della società, prima fra tutte la Chiesa cattolica.

Maschilismo, omofobia e discriminazione non colpiscono, però, solo le persone GLBT, ma anche tutte le altre che non sono libere di immaginare per sé una realtà sociale diversa da quella che i passatisti e i conservatori vogliono per loro. 
E, così, ad esempio, le donne non sono ancora padrone di non essere anche mogli devote e madri premurose, anche quando sognano per loro solo di essere delle manager di successo. No, una donna deve prima di tutto essere moglie e madre e, poi, forse, anche manager o qualsiasi altra cosa.

Ecco, allora, che l’approvazione del matrimonio egualitario porterebbe giovamento a tutta la società: esso, infatti, renderebbe plasticamente evidente che certi “ruoli” non sono legati al genere, ma alle predisposizioni personali. 
In una coppia gay omogenitoriale, infatti, certe mansioni che oggi sembrano “naturalmente” femminili vengono svolte o da entrambi i coniugi o da quello che, in quel momento, può compierle.
Un esempio di intercambiabilità che potrebbe essere seguito, con giovamento, anche dalle coppie eterosessuali.

Mauri avverte che «non si cambia tutto con una legge, però rendendo l’uguaglianza dei cittadini non solo una realtà, ma un’esperienza, si facilita enormemente il processo di accettazione della diversità.».
Accettazione di cui oggi si sente forte l’esigenza.

Il giorno più felice della mia vita è disponibile su Amazon 

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.