Passa ai contenuti principali

Mentire a se stessi

Non mentirmi (Arréte avec tes mensonges) di Philippe Besson edito in Italia da Guanda è un libro di rara bellezza.
Intenso e vero come lo può essere la verità autobiografica raccontata da uno scrittore che sa usare le parole per svelare le anime.

Nel libro, il cui titolo in francese suona come un avvertimento (Fermati con le tue bugie), si racconta dell’incontro tra i giovanissimi Philippe e Thomas, il bellissimo e distaccato Thomas.
I due adolescenti affronteranno l’anno dell’esame di maturità incontrandosi di nascosto per unire i loro corpi. 
Per esplicita richiesta di Thomas, però, le loro vite devono restare separate e con le vite, anche le anime. 
Massima discrezione è la richiesta imperativa di Thomas, non solo perché lui è un “insospettabile”, ma anche perché Philippe è già fin troppo “chiacchierato”.
Tra un incontro e l’altro i due ragazzi si raccontano l’un l’altro svelando anche insospettabili fragilità.
Ma superato l’esame di maturità la separazione tra i due è inevitabile e definitiva.

Philippe soffre per l’abbandono e nel racconto autobiografico racconta come i suoi precedenti romanzi, consapevolmente o no, siano stati segnati da quell'amore per Thomas.
Ma se finora l’ombra di Thomas è apparsa nei suoi libri sotto altre spoglie, ora parla di lui direttamente: grazie a un incontro del tutto fortuito con il figlio del suo antico amore, conosce lo sviluppo della storia e capisce che è venuto il momento di parlare esplicitamente di Thomas ai suoi lettori.

Scrivere di lui per avvertire i propri lettori, specie quelli che non si accettano e che conducono una doppia esistenza (le “velate”, insomma), che la non accettazione della propria natura annienta la vita, annullando le possibilità.
Mentire a se stessi non annulla il desiderio, ma cancella gli affetti.
Vivere nella menzogna può sembrare tranquillizzante perché ci si immerge nel conformismo, ma, in realtà, è traumatizzante.

Scrivere, insomma, non per esorcizzare il passato, ma per far sì che la propria esperienza possa valere anche per gli altri.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.