Passa ai contenuti principali

Sesso, bugie e benedizioni | Sodoma-Vaticano

Sodoma di Frédéric Martel edito da Feltrinelli non è un libro scandalistico, ma una seria inchiesta giornalistica durata quattro anni, durante i quali l’Autore ha intervistato 1500 persone (tra laici e religiosi) in tutto il mondo (Vaticano compreso) e consultato oltre 1000 fonti bibliografiche.

L’intento dichiarato non era quello di fare outing rivelando l’identità di papi, cardinali, vescovi e preti segretamente omosessuali e pubblicamente omofobi, bensì quello di far emergere tutta l’ipocrisia di tali personaggi, tentando di capire le ragioni del loro agire e di mostrare il sistema di cover-up che li protegge, insabbiando gli scandali che li vedono coinvolti.
E Martel ci tiene a sottolineare che attaccare l’ipocrisia di tali personaggi (che è, appunto, l’intento del suo lavoro di ricerca), non significa affatto condannare la loro omosessualità.

Per penetrare nel mondo chiuso e iniziatico dei religiosi cattolici omosessuali, Martel decodifica il loro linguaggio cifrato da "cripto-checche"; analizza i loro pensieri contorti e de-costruisce le loro bislacche giustificazioni (che puzzano di menzogna).
Svela, inoltre, i riferimenti culturali-filosofici di tali “velate” in tonaca, mostrando cosa realmente si nasconda dietro dichiarate e insistite letture di filosofi e teologi dall'opera decisamente datata.

Ne esce una storia della Chiesa cattolica contemporanea, da Paolo VI a Francesco, passando per Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.
Una Chiesa nella quale la masturbazione è sanzionata più della pedofilia e l’omosessualità della stragrande maggioranza dei religiosi è “nascosta” da una insistita e plateale omofobia.

Omofobia spesso interiorizzata che, nei casi più gravi, porta i religiosi a vivere una condizione psicologica al limite e, a volte, a gettarsi a corpo morto in situazioni sessuali di sadomasochismo estremo.
Altri religiosi, invece, vivono il sesso in modo meno traumatico, ma non meno “folle”: orge; chem-sex; sesso non protetto; e strani riti di benedizione del pene dei ragazzi…

Una lettura, Sodoma di Martel, che si consiglia a tutti, cattolici praticanti in primo luogo.

Sodoma di Martel è disponibile su Amazon.

Leggi anche la recensione a Global gay. 

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…