Passa ai contenuti principali

Il coraggio di vivere | Cercami di Aciman


Con Cercami André Aciman torna alla storia narrata in Chiamami col tuo nome riprendendola non dove era terminata nel primo libro (che, si ricorda, ha un finale diverso rispetto al film di Luca Guadagnino), ma da dieci anni dopo l’estate italiana di Oliver.
Va subito detto che si tratta di un libro bellissimo, ma lo si capisce davvero solo arrivando alla fine, alle ultime frasi.
Se ne consiglia la lettura.

ATTENZIONE: seguono dettagli importanti. 

Il libro inizia affidando la narrazione al padre di Elio, ormai separato dalla moglie, che, in treno, conosce una ragazza più o meno della stessa età del figlio e se ne innamora.
Con lei trascorrerà ore piene di intesa e sensualità, pur con la consapevolezza di essere molto più vecchio di colei con la quale vorrebbe passare il resto dei suoi giorni, vivendo quella vita che, fino a quel momento, non ha mai avuto il coraggio di vivere.
E, quando incontra suo figlio (Elio appare solo a pagina 119 dell’edizione italiana), saggiamente gli consiglia di avere più coraggio e meno orgoglio e di andare a riprendersi Oliver.

Nel secondo capitolo la voce narrante è Elio che ricorda - 15 anni dopo l’estate con Oliver - il suo incontro con Michel, un uomo che potrebbe essere suo padre e di cui si innamora seduta stante.
Anche il nuovo amore - come già suo padre - ha la cautela dell’uomo maturo che, rendendosi conto di essersi innamorato di chi anagraficamente può essergli figlio, sa che presto dovrà soffrire per l’inevitabile abbandono. 
Ma anche lui esorta Elio ad andare a riprendersi Oliver.

Il terzo capitolo è affidato alla voce di Oliver e si svolge temporalmente dopo la fine narrata in Chiamami col tuo nome: Elio è andato a fargli visita 5 anni prima e ora l’uomo si rende definitivamente conto che la sua vita si è interrotta quando ha lasciato Elio. 
Il resto della sua vita è stato solo un rimpiazzo che non gli basta più, per cui decide di andare a riprendersi il ragazzo e di vivere finalmente la propria vita.

Nell’ultimo capitolo la voce narrante è di nuovo quella di Elio e, ora, i due si sono presi una vacanza e sono ad Alessandria d’Egitto.
Le loro vite si sono riannodate indissolubilmente, perché entrambi hanno avuto il coraggio di prendere in mano la propria vita e viverla fino in fondo.

Cercami è disponibile su Amazon.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.