Passa ai contenuti principali

Un capolavoro da non perdere | Un amico di Marcel Proust



Ci sono romanzi di cui basterebbe dire soltanto che sono dei capolavori.
Con incipit folgoranti e che tengono il lettore sospeso fino all'ultima pagina.
Scritti benissimo e con una trama davvero inaspettata.
Di cui si amano i protagonisti e con loro si soffre per il dolore che soffrono.

Uno di tali capolavori è Un amico di Marcel Proust di Philippe Besson, edito in Italia da Guanda.

La storia dolorosa, dolorosissima, è narrata in prima persona da Vincent, 16enne, «nato con il secolo», che, nella stessa settimana, ha la ventura di fare amicizia con il 45enne Marcel (Proust) e la sua prima esperienza sessuale e amorosa con il 21enne Arthur, soldato impegnato al fronte durante la Grande Guerra in corso.

Marcel a cui Vincent dà del voi. Arthur a cui dà del tu.
Marcel il confidente e l’amico. Arthur l’amore che fa maturare e cambia la vita.

Tre uomini, il 16enne, il 21enne e il 45enne, uniti da un legame di cui nessuno di loro sospetta.

Besson divide la trama in tre capitoli in cui la relazione con il corpo altrui è al centro dei rapporti tra i protagonisti: corpi presenti e disponibili (nel primo); assenti (nel secondo); ricordati (nel terzo).
Corpi che portano con sé la verità, come solo il corpo può fare.
Verità che si può accettare senza vergogna, oppure no...

Una lettura, il romanzo di Besson, che si vorrebbe definire necessaria, soprattutto in un periodo pandemico quale è quello attuale, in cui i corpi, similmente a quanto succede durante una guerra a chi non parte per il fronte, smettono di essere presenti improvvisamente e scompaiono senza poter essere loro vicini.

Ma, al di là del momento attuale, Un amico di Marcel Proust è un capolavoro da non perdere.

Un amico di Marcel Proust è disponibile su Amazon  

Leggi anche: Non mentirmi 

Commenti

  1. Ho letto ed ho molto apprezzato il contenuto. Non conoscevo il libro! Grazie per l'informazione!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Innamorata di un gigolo bisessuale

Pubblicato agli inizi degli anni Sessanta del Novecento, La scuola della carne di Yukio Mishima, edito in Italia da Feltrinelli, è un romanzo estremamente moderno.
In esso si racconta la storia d’amore della quasi quarantenne Taeko, con il giovane gigolo ventunenne Senkichi, conosciuto in un locale gay dove svolge il lavoro di barman e dove si prostituisce indifferentemente con uomini e donne.
Senkichi è virile e distante, quasi altezzoso e, per denaro, disposto a fare qualsiasi cosa. Lei ne resta ammaliata e - dopo una notte di sesso mercenario - se ne innamora al punto che decide di fare progetti di vita assieme al fascinoso ragazzo.
Progetti che, via via, si fanno sempre più impegnativi anche dal punto di vista emotivo e che mutano di momento in momento data l’imprevedibilità caratteriale di Senkichi e la sua sete di libertà, successo e ricchezza.
Una storia che tiene il lettore incollato alla pagina e che è raccontata mantenendo il punto di vista della protagonista e procedendo con una…